Logo InItalia

In ITALIA - L'italia e l'italiano per stranieri

In Italia

LE PAROLE DELL'ITALIANO

10. Mi piace, lo adoro, ne vado pazzo!

 

Ancona è una città piena di cose interessanti, adatta a tutti i gusti. A proposito di gusti: il modo che usiamo più spesso per esprimere i nostri gusti lo conosciamo già, perché ne abbiamo parlato in una puntata di tanto tempo fa, quando i nostri amici erano a Udine: è mi piace, mi piacciono / non mi piace, non mi piacciono. Ripassiamolo sentendo i nostri amici:

SALIF: Ti piace Olga?
OLGA: Beh, a me non piace per niente quando si comporta così!

E adesso, impariamo qualcosa in più.
Se parliamo del presente, diciamo mi piace. Se invece parliamo del passato, diciamo mi è piaciuto, che è il passato prossimo, come fanno Olga e Fela. Ascoltiamoli:

FELA: A te è piaciuto subito lo zio?
OLGA: Sì... mi è piaciuta la sua gentilezza, mi sono piaciuti i suoi occhi...
FELA: E ti sono piaciute anche le sue arrabbiature?

Sono sicuro che avete notato una cosa: piaciuto, il participio, diventa piaciuta quando si riferisce a una cosa femminile singolare (mi è piaciuta la gentilezza), diventa piaciuti con un maschile plurale (mi sono piaciuti gli occhi) e diventa piaciute con un femminile plurale (ti sono piaciute le sue arrabbiature?).
Attenzione, però. Se ascoltate Fela, vi accorgete che per dire che una cosa piace ci sono anche altri modi:

FELA: Io vado pazzo per il cioccolato!
FELA: Nooo… io l’adoro!

Io vado pazzo e io l’adoro sono due modi informali per dire che una cosa ci piace molto. A proposito di molto: una cosa (o una persona) ci può piacere (o non piacere) in diversi misure. Possiamo immaginarle su una linea che va dalla misura più grande a quella più piccola: una cosa può piacere moltissimo, molto, abbastanza, così così, poco, pochissimo o per niente. Alcune di queste parole le hanno usate anche i nostri amici, e non soltanto col verbo piacere, ma ogni volta che hanno avuto bisogno di indicare una quantità:

FELA: Alle ragazze piace moltissimo parlare d’amore
SALIF: Ti piace, Olga?
OLGA: Molto
SALIF: Avete abbastanza tempo per arrivare fino a Sirolo
OLGA: Veramente mi piace poco
OLGA: Beh, a me non piace per niente quando si comporta così!

Mmm… Mi sa che ho parlato troppo, cioè oltre la giusta misura, come fa Olga quando si preoccupa per la figlia:

SALIF: Olga, ti preoccupi troppo: Anna sta bene, è una ragazza responsabile...

Arrivederci alla prossima puntata!


 
Ministero della Pubblica Istruzione   Rai