Logo InItalia

In ITALIA - L'italia e l'italiano per stranieri

In Italia

Attivitą Puntata 5

Professioni al femminile; al telefono

 

Esercizio 15 - Dalla"Piccola storia dell'italiano": Quel primo fumetto in italiano... (l'iscrizione di San Clemente)

Leggi il brano e rispondi alle domande seguenti:




Il più antico fumetto del mondo è stato fatto in Italia, a Roma, verso la fine del 1100, e le parole di questo fumetto sono state scritte nella lingua parlata a Roma in quegli anni: un romanesco, come vedremo, non molto diverso dall’italiano attuale. Su un muro dei sotterranei della Basilica di San Clemente a Roma, vicino al Colosseo, c’è un affresco che descrive un miracolo fatto da San Clemente, il terzo papa della storia, vissuto nel I secolo dopo Cristo. San Clemente è odiato e perseguitato da un nobile romano di nome Sisinnio, che lo ha fatto legare da tre suoi servi. Ma Dio, per miracolo, trasforma san Clemente in una colonna pesantissima, che i servi non riescono a tirare con la corda con cui hanno legato il santo. Questo miracolo provoca uno scambio di battute fra le quattro persone, e le frasi sono scritte accanto alle figure, un po’ come accade nei fumetti di oggi. Queste frasi non sono in latino: sono dette e scritte nel romanesco di quel tempo, una lingua sorprendentemente vicina, almeno in questo esempio, all’italiano di oggi. Lo dimostra la frase con cui Sisinnio rimprovera i suoi servi. Siccome è arrabbiato perché gli schiavi non riescono a trascinare Clemente, Sisinnio, che non si rende conto che il santo è diventato una colonna, dice ai servi una parolaccia:  “Figli dele putte, tràite!”, cioè: “Figli delle puttane, tirate”. Beh, più italiano di così…



1. Dove si trova esattamente il più antico fumetto del mondo?

A Roma, .

2. A quando risale l’affresco?

Alla fine .

3. Che cos’è il “romanesco”?

La lingua .

4. I servi hanno legato san Clemente ma non riescono più a trascinarlo. Perché?

Perché Dio ha trasformato .


 
Ministero della Pubblica Istruzione   Rai