Logo InItalia

In ITALIA - L'italia e l'italiano per stranieri

In Italia

LA BUSSOLA

12. L'Artigianato in Italia

 


Valeria, amica della famiglia BA, si occupa di artigianato: crea gioielli e vuole aprire con una sua amica un’impresa artigiana.

Scena 7 (Valeria gioelli)

Sentiamo spesso parlare di artigianato. Ma che cos’è?

Di solito per artigianato si intendono tutte quelle attività che producono oggetti e servizi che vengono fatti a mano o con l'aiuto di specifici attrezzi che, spesso, hanno una consolidata tradizione alle spalle.

In giro per il mondo troviamo una gran quantità di prodotti artigianali fatti a mano: pensiamo alle ceste, ai piccoli oggetti in ceramica, alle opere in legno, gli accessori della moda, come borse e calzature, o anche ai gioielli come quelli che crea Valeria.

Questi sono solo una minima parte dei tanti prodotti dell'artigianato.

Il mestiere di artigiano è un mestiere molto antico: esiste dalla preistoria. Pensiamo agli orefici, ai falegnami, ai carpentieri, agli artigiani della ceramica, del metallo, ai vetrai, ai sarti che costruivano i loro oggetti, usando tecniche tramandate di padre in figlio.

Oggi la gente preferisce i prodotti fatti in serie dalle industrie piuttosto che gli oggetti artigianali. La causa principale è la ricerca del moderno, della novità, e poi conta molto il prezzo. Di solito i prodotti artigianali, proprio perché fatti a mano, sono più costosi di quelli fatti dalle fabbriche, in serie.

Ma, nonostante ciò, i prodotti artigianali continuano ad avere successo.

In Italia le forme di artigianato sono da sempre moltissime: dalla ceramica al vetro, dai lavori in legno ai metalli, dai lavori in tessuto ai cesti, ai gioielli, ai lavori in pietra, in sughero, in pelle. Pensate, ad esempio, alle famose vetrerie di Murano, a Venezia, che esistono dal tredicesimo secolo.

Anche nel resto del Mondo, l’artigianato è molto vivo: pensiamo ai famosi cappelli venduti lungo le strade di Panama, in America Latina, o alle statuette in porcellana in Cina, o ai batik, alle statue o alle maschere create in Africa.

Anche la Costituzione Italiana considera importante l’artigianato. Dice, infatti, che la legge deve tutelarlo e promuovere il suo sviluppo (art. 45 Comma 2 Costituzione).

Abbiamo in Italia, infatti, una legge quadro sull’artigianato (Legge nazionale 8 agosto 1985 n. 443) che ci dice che imprenditore artigiano è chi svolge personalmente, professionalmente e come titolare, una attività che produce beni (cioè oggetti) o servizi, e lo fa soprattutto con il proprio lavoro, anche manuale.

Pensiamo ad esempio al liutaio dove va Fela per riparare la propria chitarra.

Scena 4 (Liutaio Fela)

Lui è un artigiano.

Pensiamo anche a Valeria che crea gioielli. Vuole metter su una impresa artigiana. Per farlo ha frequentato un corso di tecnologia per il Made in Italy di un Istituto Tecnico Superiore.

Anche a scuola si può apprendere il mestiere dell’artigiano.

Gli istituti professionali, per esempio, propongono corsi di studio che facilitano l’accesso ai mestieri artigiani (anche dell’artigianato artistico), senza rinunciare ad una preparazione culturale che offre ai giovani l’opportunità di proseguire gli studi e di specializzarsi in particolari professioni in cui l’artigianato coniuga la creatività con l’uso elle tecnologie più innovative

La scuola, infatti, oltre alle competenze tecniche, insegna anche come interpretare le tendenze del mercato e utilizzare i canali più efficaci per commercializzare e pubblicizzare i propri prodotti.

Alcuni licei artistici offrono percorsi che possono trovare sbocchi occupazionali nei mestieri d’arte.

In molte scuole, di varia ipologia e indirizzo esistono dei laboratori guidati da docenti e artigiani dove si insegnano i principi base di alcune attività artigianali: come la ceramica su terracotta, i lavori in legno, la fotografia, il restauro di mobili, il ricamo, l’arte grafica, e cosi via.

Scena 10 (Valeria e Camera Commercio)

Avete visto? Valeria ha fatto bene ad andare alla Camera di Commercio.

Infatti, bisogna iscriversi all’albo delle imprese artigiane presente nelle Camere di Commercio di ogni Provincia, se si vuole avviare una impresa artigiana.

Le domande di iscrizione possiamo presentarle, in alcune Regioni, come ad esempio, nella Regione Lazio, presso il Comune dove si trova l’impresa, o presso la Camera di Commercio, anche in via telematica, tramite internet.

Bisogna iscriversi all'Albo per avere le agevolazioni previste dalla legge a favore delle imprese artigiane, come l’accesso al credito agevolato e un sostegno di tipo finanziario per gli investimenti iniziali.

Insomma, possiamo dire che in ogni Paese del Mondo, l'artigianato è la testimonianza della continuità delle tradizioni di costume, cultura, civiltà e arte.

www.sviluppoeconomico.gov.it

www.registroimprese.it

www.camcom.gov.it


 
Ministero della Pubblica Istruzione   Rai