Logo InItalia

In ITALIA - L'italia e l'italiano per stranieri

In Italia

LA BUSSOLA

19. Uso improprio dei telefoni cellulari

 

Abbiamo visto in questa puntata come il telefono cellulare sia molto utilizzato da tutta la famiglia BA per la comunicazione. Spesso l’uso eccessivo del cellulare in luoghi frequentati anche da altre persone, può recare disturbo.
In Italia, la legge non prescrive un generale divieto di utilizzo del telefono cellulare in questi casi, perché ciò limiterebbe la libertà dell’individuo. Ma bisogna ricordare che la libertà del singolo deve trovare sempre un limite nella libertà altrui. Quindi, dovrebbe essere assunta come regola di convivenza civile da ciascuno di noi quella di non utilizzare il cellulare in determinati luoghi quando l’uso possa disturbare la quiete altrui. Pensiamo, ad esempio, in un treno, o in un ospedale, o in un ristorante, o anche in una scuola.
Vi sono, però, dei divieti imposti per settori specifici. Ad esempio, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nel 2007, ha vietato l’uso dei cellulari e di altri dispositivi elettronici da parte degli studenti all’interno delle scuole. Ciò per rimediare al dilagare dell’uso improprio del cellulare da parte degli studenti e dei comportamenti di disturbo allo svolgimento delle lezioni. Peraltro, questa norma di correttezza trova una sua codificazione formale tra i doveri previsti nello Statuto degli studenti e delle studentesse contenuto in un Decreto del Presidente della Repubblica del 1998 che elenca i doveri degli studenti. Tra questi il dovere di assolvere agli impegni di studio e di tenere comportamenti rispettosi degli altri. Sono state previste sanzioni disciplinari a carico degli studenti che non osservano il divieto, diverse a seconda della gravità del comportamento, dal semplice ritiro temporaneo del cellulare sino all’esclusione dallo scrutinio o dall’esame di stato.
Il divieto di utilizzare il telefono cellulare, durante l’attività di insegnamento e di apprendimento, vale anche per il personale docente, come già previsto sin dal 1998.
Quindi, anche quando non vi sia un divieto esplicito, cerchiamo di non disturbare gli altri che ci sono accanto con il suono del nostro telefono cellulare o con le nostre conversazioni telefoniche. Solo così potremo pretendere dagli altri lo stesso comportamento.

 
Ministero della Pubblica Istruzione   Rai